News

16/07/2019 Etilometro...leggi tutto
16/07/2019 Laser contro l alcol...leggi tutto
16/07/2019 8 punti in meno...leggi tutto
16/07/2019 Bisognerà studiare di più...leggi tutto
16/07/2019 12 Febbraio 2011...leggi tutto
16/07/2019 Bimba in 3D...leggi tutto
16/07/2019 Foglio rosa dopo la teoria...leggi tutto
16/07/2019 Ritiro carta di circolazione?...leggi tutto

Bevi e guidi? Fai lavori sociali

 
La riforma introdotta a luglio art. 186 del nuovo codice della strada prevede che, per chi è sorpreso al volante con un tasso alcolemico superiore a 1,5 l/g, la pena detentiva da 6 mesi a 1 anno o pecuniaria da 1.500 a 6.000 euro possa essere commutata con un lavoro di pubblica utilità non retribuito.

Soprattutto nel campo della sicurezza e dell’ educazione stradale, in enti pubblici o di volontariato. Una possibilità della quale si può beneficiare una sola volta e se non si è stati causa di incidenti.

13 novembre: in quali locali l’etilometro obbligatorio?


Nuovo Codice della Strada art. 55

“divieto di vendita e somministrazione di bevande alcoliche e superalcoliche nei locali notturni dalle ore 3 alle ore 6, con l’obbligo all’uscita di un apparecchio precursore chimico-elettronico per la rilevazione volontaria del tasso alcol emico e tabelle illustrative dei danni che fa l’alcool”. Con il nuovo Codice della Strada, approvato il 28 luglio 2010, dal 13 novembre 2010 scatta l’obbligo – per i locali che non svolgono spettacoli od altre forme di intrattenimento – ma la cui attività si protrae oltre la mezzanotte, di tenere a disposizione dei clienti apparecchi precursori (etilometri, alcooltest) per la rilevazione volontaria del tasso alcolemico e le tabelle indicative degli stessi tassi e dei sintomi causati dall’abuso di alcool.
Inoltre il nuovo Codice della Strada impone il divieto di somministrare alcolici e superalcolici dopo le ore 3 di notte ed il divieto di vendita di bevande alcoliche da parte degli esercizi di vicinato (negozi, autogrill, enoteche, vendita con distributori automatici…) dalle ore 24 alle ore 6. Tale divieto non si applica nella notte tra il 15 ed il 16 agosto. L’art. 55 in questione non fornisce una lista dettagliata delle attività soggette al rispetto di tali nuove regole, si desume che siano interessati bar, pub, paninoteche, ristoranti, tavole calde, hotel e alberghi (se provvisti di bar e/o ristorante), stabilimenti balneari con bar o distributori automatici, discoteche, night club, club privè
Sono previste sanzioni per i gestori dei locali non in regola con le nuove disposizioni da un minimo di € 300,00 ad un massimo di € 1.200,00.

Un laser contro l’alcol


Una nuova tecnologia russa consente di captare i vapori a distanza, pure a 120 km l’ora e dopo un solo bicchierino
Chi, qualche volta, beve un bicchiere di troppo prima di mettersi al volante, stia attento. E’ in arrivo l’alcol- laser, una specie di autovelox applicato all’alcol: se ne potrà misurare la concentrazione nel sangue a distanza.
L’ultima diavoleria tecnologica in tema di sicurezza stradale arriva dalla Russia e ne dà notizia ieri mattina il sito del quotidiano Le Monde. Il primo “Alcolaser” è stato presentato martedì 26 ottobre, a Mosca, a un’esposizione internazionale dedicata agli apparati di sicurezza.
Sviluppato dalla Laser Systems di San Pietroburgo, l’apparecchio è dotato di un laser capace di captare i vapori di alcol a distanza. Pare che l’aggeggio sia sensibilissimo: se puntato sull’abitacolo di chi viaggia anche a 120 chilometri l’ora, il laser è in grado di smascherare chi abbia bevuto anche un solo bicchierino di vodka. Il laser, garantiscono i fabbricanti, non è pericoloso né per chi lo utilizza né per chi guida. Per mettere a punto gli ultimi dettagli tecnici ci vorrà ancora un anno: i primi apparecchi potrebbero essere forniti alla polizia stradale russa dal 2012.

tratto da http://www3.lastampa.it/costume/sezioni/articolo/lstp/372877/

Ritiro della carta di circolazione?


L’articolo 80, comma 14 del Codice della strada, così come modificato dalla Legge n°120 del 29 luglio 2010, non prevede più in caso di omessa revisione, la sanzione accessoria del ritiro della carta di circolazione, ad esclusione dei casi previsti dall’articolo 176, comma 18 (circolazione in autostrada con veicolo non in regola con la revisione, ovvero che non l’abbia superata con esito favorevole).
L’organo accertatore, in applicazione della nuova normativa, oltre ad applicare la prevista sanzione amministrativa (multa), annoterà sul documento di circolazione che il veicolo è sospeso dalla circolazione fino all’effettuazione della revisione.
La circolazione sarà consentita al solo fine di recarsi presso uno dei soggetti di cui al comma 8 dell’art.80 CdS (officine autorizzate all’effettuazione delle revisioni periodiche se trattasi di veicoli di massa complessiva inferiore ai 3500 kg o motoveicoli) oppure presso il competente ufficio della motorizzazione civile.
Si segnala che alla violazione dell’obbligo di cui sopra ne consegue la sanzione amministrativa accessoria del fermo amministrativo del veicolo per 90 giorni. In caso di reiterazione delle violazioni si applicherà la sanzione accessoria della confisca amministrativa del veicolo.

Foglio rosa dopo l’esame di teoria


Rif. art.121 e 122 CDS

A chi presenta una domanda di conseguimento della patente dopo l’11 novembre 2010.
Presentata la domanda per il conseguimento della patente, entro 6 mesi deve essere superata la prova di teoria. Dopo il superamento di questa prova viene rilasciata l’autorizzazione per l’esercitazione alla guida (foglio rosa) valida per 6 mesi: solo dopo un mese si può sostenere l’esame pratico.

Bimba in 3D fa andare più piano


Sulla strada che passa davanti una scuola di Vancouver, sulla costa occidentale del Canada, è stata disegnata l’immagine a colori di una bambina che sembra attraversare la strada. La novità sta nel fatto che è stata disegnata in modo tale da dare l’impressione ai chi si avvicina in auto che ci sia realmente qualcuno che attraversa. Insomma: un disegno in 3D.
Idea buona? Idea cattiva? Per ora sono sorti dei commenti contrastanti: c’è chi dice che l’improvviso “materializzarsi” di un bambino davanti all’auto faccia frenare e rallentare gli automobilisti in modo brusco e chi dice che sortisce un effetto negativo perché compare all’improvviso e può causare incidenti.
“Non è stato creato per spaventare l’automobilista ma per risvegliare la sua attenzione ha detto David Dunne, responsabile per la sicurezza stradale della British Columbia Automobile Association.
C’è anche chi è convinto – come l’ex responsabile della viabilità di New York – che gli automobilisti, col tempo, potrebbero abituarsi a tale immagine e non prestare quindi più attenzione ai bambini “veri”.
“In realtà le critiche contrarie sono giunte solo da persone che non hanno mai visto il disegno” ha aggiunto David Dunne, che ha anche sottolineato che “nessuno scambierà il disegno per una bambina perché le forme e le dimensioni sono molto diverse”.
Ad ogni modo la bimba “tridimensionale” sulla strada davanti alla scuola di Vancouver fa parte di un progetto pilota delle autorità preposte alla sicurezza del traffico, di concerto con le autorità cittadine e la polizia, alla luce del fatto che negli Usa e in Canada ogni anno centinaia di bambini sono investiti dalle auto.

Tratto da motori.it

12 febbraio 2011


Dice il nuovo Codice della strada: ai titolari di patente di guida di categoria B, per il primo anno dal rilascio non è consentita la guida di autoveicoli aventi una potenza specifica, riferita alla tara, superiore a 55 kW/t. Nel caso di veicoli di categoria M1(autoveicoli destinati al trasporto di persone, aventi al massimo otto posti a sedere oltre al sedile del conducente), ai fini di cui al precedente periodo si applica un ulteriore limite di potenza massima pari a 70 kW. Le limitazioni non si applicano ai veicoli adibiti al servizio di persone invalide, purché la persona invalida sia presente sul veicolo.
La disposizione dell’articolo 117 del Codice della strada si applica ai titolari di patente B rilasciata dopo il 180° giorno successivo alla data di entrata in vigore della Legge. Siccome la Legge è arrivata il 13 agosto 2010, allora se ne parla il 12 febbraio 2011.
Da quella data, occhio: se sarai fresco di patente, o se lo sarà tuo figlio, niente auto “potenti”.

Tratto da www.automobilista.it del 25 settembre 2010

Nuovi quiz: bisognerà studiare di più


Con il nuovo sistema di formulazione delle domande voluto dal Ministero, memorizzare meccanicamente le risposte sarà più difficile

In base alla circolare ministeriale dello scorso luglio, da gennaio 2011 i quiz per il conseguimento della patente cambieranno e diventeranno più difficili.Infatti a partire dal prossimo anno i candidati saranno obbligati a prepararsi in modo più approfondito visto che, per come saranno formulate le domande, imparare a memoria sarà molto più complicato. Il candidato si troverà a video 40 domande invece di 30 con la possibilità di commettere, come prima, al massimo 4 errori. Quindi il numero degli errori possibili rimarrà lo stesso, a fronte però di un aumento delle domande. La composizione della scheda sarà impostata da un software che selezionerà i quesiti da un data base ministeriale suddiviso in 25 capitoli, una per capitolo, e le ulteriori 15 affermazioni saranno prese dai capitoli sulla sicurezza. Nei nuovi quiz, che saranno solo in italiano e non più in 9 lingue, compariranno anche quesiti sull’inquinamento, i dispositivi di sicurezza dei veicoli, l’assicurazione e la protezione degli utenti deboli.

tratto da ASAPS.it , 18 settembre 2010

Via la licenza in Formula 1 ai piloti che infrangono il CdS


Via la licenza per guidare in Formula 1 se si infrange il Codice della Strada. La decisione arriva dalla Federazione Internazionale che applicherà una sanzione “esemplare” ai piloti che infrangeranno le regole della strada. Ai piloti quindi basterà un sorpasso azzardato su una normale strada aperta al traffico per essere fuori dal mondiale di F1. E’ questo il succo dell’emendamento al codice sportivo internazionale che il Consiglio della federazione degli sport motoristici (Fia) sottoporrà all’Assemblea generale dell’organismo. Certo, la sospensione o il ritiro definitivo della superlicenza andrebbe applicata solo nei casi più eclatanti. “Un comportamento intollerabile – hanno spiegato alla Fia – perché i partecipanti alle gare della Fia devono comportarsi come ambasciatori di questo sport, essere consapevoli che la loro condotta sulla strada deve essere esemplare e rispettare le norme di sicurezza”.
Tratto da Asaps.it 11 set 2010

Meno 8 punti dalla patente a chi non si ferma sulle strisce


Ogni giorno 2 persone perdono la vita 57 sono i pedoni investiti ogni giorno in Italia
Inasprite le sanzioni sulla patente se non si rispettano i passaggi pedonali.

Il nuovo Codice della Strada, approvato a fine luglio, ha elevato le punizioni per chi non rispetta la segnaletica. Anziché cinque punti in meno sulla patente, da adesso chi non si ferma agli attraversamenti pedonali ne perderà otto, e in più dovrà pagare un verbale da centocinquanta euro.

Ecco cosa recita l’articolo 191 del nuovo codice della strada : «Quando il traffico non è regolato da agenti o da semafori, i conducenti devono fermarsi quando i pedoni transitano sugli attraversamenti pedonali. Devono altresì dare la precedenza, rallentando e all’occorrenza fermandosi, ai pedoni che si accingono ad attraversare sui medesimi attraversamenti pedonali. Lo stesso obbligo sussiste per i conducenti che svoltano per inoltrarsi in un’altra strada al cui ingresso si trova un attraversamento pedonale, quando ai pedoni non sia vietato il passaggio. Sulle strade sprovviste di strisce, i conducenti devono consentire al pedone, che abbia già iniziato l’attraversamento impegnando la carreggiata, di raggiungere il lato opposto in sicurezza».