News

20/03/2019 Etilometro...leggi tutto
20/03/2019 Laser contro l alcol...leggi tutto
20/03/2019 8 punti in meno...leggi tutto
20/03/2019 Bisognerà studiare di più...leggi tutto
20/03/2019 12 Febbraio 2011...leggi tutto
20/03/2019 Bimba in 3D...leggi tutto
20/03/2019 Foglio rosa dopo la teoria...leggi tutto
20/03/2019 Ritiro carta di circolazione?...leggi tutto

U.S.A., cellulare “vietato” ai pedoni


Brutte notizie dagli Usa per gli amanti delle lunghe chiacchierate al cellulare durante lo shopping cittadino. In numerosi stati americani, infatti, è permesso parlare al telefono mentre si guida la macchina, ma presto potrebbe essere vietato farlo mentre si attraversano le strisce pedonali. Una misura proposta per arginare il boom di incidenti che coinvolgono pedoni distratti.

I trasgressori, se la nuova norma passerà, rischieranno una multa salata.

Ma l’iniziativa non riguarda soltanto i cellulari. Ad essere colpiti potrebbero essere infatti anche gli iPod e molti altri apparecchi elettronici. Nei primi sei mesi del 2010, del resto, negli Usa gli incidenti ai pedoni sono aumentati leggermente per la prima volta in quattro anni e le autorità stanno pensando di trovare una soluzione per arginare il fenomeno.

Lo Stato di New York sta valutando un progetto di legge che impedirebbe l’uso di dispositivi elettronici sulle strisce pedonali. In Oregon è in studio una legge simile, che proibirebbe però l’uso di telefoni e lettori mp3 ai ciclisti, i quali in Virginia potrebbero subire invece il divieto di usare “apparecchi telefonici manuali”. In California esiste già una legge simile destinata ai motociclisti, che non possono mandare messaggi o utilizzare apparecchi telefonici manuali, ma il senatore democratico che l’ha introdotta, Joe Simitian, sta spingendo per allargare il divieto anche ai ciclisti.

“Penso sia una violazione dei diritti personali”, ha commentato Marie Wickham, una 56enne newyorkese che si dice contraria all’uso di apparecchi elettronici mentre si cammina per strada, ma ancora più contraria a questo genere di divieti. “Penso che a un certo punto dovremmo prenderci la responsabilità della nostra stupidità”.

tratto da tgcom.mediaset.it del 28/01/2011

-